Se avete un sito Internet o se siete anche minimamente interessati al web design ( per necessità o per passione) vi sarete certamente imbattutti nell’espressione ‘responsive web design’, vero? Bene. Se vi siete chiesti cosa si nasconda dietro l’espressione tecnica un po’ ostica la risposta è più semplice del previsto in quanto il responsive web design è un’insieme di tecniche volte a creare siti Internet che ‘rispondano’ al tipo di dispositivo sul quale vengono visualizzati, adattandosi automaticamente alle diversi dimensioni o risoluzioni degli schermi.

 Un sito web “responsive” si adatta automaticamente ad un ampio monitor di un computer desktop, a un più modesto schermo di un portatile, a un tablet da 10 o da 7 pollici…fino al piccolo display degli ormai diffusissimi smartphone.

Con la diffusione esponenziale di smatphone e tablet un numero sempre crescente di utenti utilizza questi dispositivi per navigare in Internet e non c’è da meravigliarsi, quindi, che già dal 2013 il responsive web design sia diventata una tendenza di successo, basata sulla necessità delle aziende di rendere i propri siti web accessibili al maggior numero di utenti possibili, indipendentemente dal dispositivo utilizzato.

In cosa consiste un sito Internet responsive ?

Lo scopo del responsive web design è quello di avere un solo sito Internet, costituito da diversi elementi che si dispongano e si ridimensionino sulla pagina secondo le dimensioni e la risoluzione dello schermo che li visualizza, piuttosto che diverse versioni dello stesso sito per diversi dispositivi .

Prendiamo ad esempio un tradizionale sito web con un layout ‘fisso’.  Visualizzato su un computer desktop o portatile, per esempio, il sito potrebbe essere impaginato su tre colonne. Lo stesso layout tuttavia – visualizzato su uno degli ormai diffusissimi tablet – potrebbe costringere l’utente a scrollare orizzontalmente la pagina per visualizzarla completamente, qualcosa che gli utenti detestano fare. Alcuni elementi potrebbero addirittura risultare ‘invisibili’,  nascosti o schiacciati e distorti a causa della bassa risoluzione dello schermo.  A complicare ancor più la faccenda interviene anche la possibilità per gli utenti di ruotare i dispositivi mobili e orientare lo schermo orizzontalmente (visualizzazione ‘landscape’) o verticalmente (visualizzazione ‘portrait’).

Sul piccolo display di uno smartphone, poi, il nostro sito web sarà ancor più difficile da navigare, costringendo l’utente a scrollare la pagina qua e là o a  ‘pinchare’ e zoomare per leggere i contenuti e navigare il sito attraverso un menu di navigazione illeggibile alla propria risoluzione. Il risultato per il nostro sito, in ogni caso, sarà di certo la perdita degli utenti su dispositivi mobili, una percentuale ormai quantificabile intorno al 20 – 30 % degli utenti totali.

Al contrario, in un sito web responsive il layout dell’interfaccia si adatterà automaticamente alla risoluzione video disponibile, senza richiedere l’intervento o la scelta dell’utente e presentando i contenuti in maniera ‘accessibile’ e ottimale. Il nostro layout su tre colonne potrebbe modificarsi intelligentemente su due sole colonne, mantenendo l’rdine complessivo del layout e rendendo il contenuto accessibile e leggibile anche a una risoluzione inferiore.

Sul piccolo display di uno smartphone, invece, lo stesso sito web potrebbe adattare il layout ad una singola colonna, sovrapponendo verticalmente le altre due colonne dell’impostazione originale o magari rendendole disponibili alternativamente con un gesto: l’ormai classico ‘swipe’ a cui tutti gli utenti sono abituati. Pratico, no? La visualizzazione dei contenuti (siano essi testi o immagini) sarà sempre ottimale su qualsiasi schermo.

E la navigazione? Anche qui la soluzione non manca. Un sito web responsive, infatti, prevede sempre un menu alternativo per le risoluzioni video inferiori, di solito visualizzato come un pratico menu a discesa, pronto a rendere la navigazione del sito perfettamente accessibile anche sugli schermi a bassa risoluzione.

Detto questo , e vista la percentuale crescente di utenti web da dispositivi mobile, non sarete più sorpresi del tanto parlare  di responsive web design. D’ora in poi sarete perfettamente in grado non solo di comprendere se sul vostro smartphone o tablet state navigando su un sito web responsive o meno, ma soprattutto – nel caso in cui stiate pensando alla creazione di un sito – capirete i vantaggi di renderlo adattabile a tutti gli schermi!

Hai bisogno di aiuto nella creazione un sito web responsive?

Giellemme è uno studio web con l’ambizione di aiutare piccole e medie imprese a sfruttare il potenziale di Internet, dei nuovi media e delle tecnologie web per crescere e competere sul mercato italiano e internazionale. Contattami se vuoi sapere quello come posso aiutarti a far crescere il tuo progetto sul web. Ogni consulenza è gratuita. Nel senso che non vi costerà niente…ma non sarà mai banale. Promesso.


Prenota 30 minuti di consulenza gratuita

6 Condivisioni